martedì 13 dicembre 2016

Il Partito Democratico spiana la strada elettorale al Movimento 5 Stelle


Il governo Gentiloni è entrato in carica riproponendo buona parte dei ministri precedenti. Una scelta di continuità che stride con la politicizzazione che è stata data dal governo Renzi alla consultazione referendaria. La politicizzazione del referendum fu un errore politico di Renzi ma, una volta fatta quella scelta, bisognava prenderne atto e non far finta di niente. Presentando un governo di forte continuità, con quali obiettivi lo capiremo solo vivendo, il Partito Democratico fa probabilmente il miglior assist possibile alle attuali minoranze, in particolare il Movimento 5 Stelle le cui possibilità di guidare il governo dopo le prossime elezioni, salgono vertiginosamente. Molto dipenderà con quale legge elettorale si voterà: è probabile che centrodestra e centrosinistra opteranno per un proporzionale, vista l'indisponibilità dei 5 Stelle a fare alleanze, cercando così di "tagliarli fuori".
Solitamente gli errori politici presentano il conto che, probabilmente, nel caso del PD arriveranno alle prossime elezioni. Credo che dovremo prepararci a un governo 5 Stelle e non nego che la cosa "politicamente" non mi entusiasmi affatto, ma le proposte politiche alternative, non paiono particolarmente appetibili per il corpo elettorale.