venerdì 16 dicembre 2016

La questione del valore legale del titolo di studio

(immagine Pixabay)

Correva l'anno 2012 (post del 30 gennaio 2012)

Innanzitutto è necessario fare chiarezza su cosa si intenda per valore legale del titolo di studio, in quanto ho letto in giro su internet alcune ipotesi fantasmagoriche, scritte persino da alcuni giornalisti. Diciamo subito quindi che un'eventuale abolizione del valore legale del titolo di studio non significherà che il titolo di studio non servirà più a niente. Chi pensa che una quinta elementare basterà per fare il cardiologo, si sbaglia di grosso. Lo dico perché pare che qualcuno abbia realmente confuso le cose, non a questi livelli, ma quasi.
Il valore legale del titolo di studio significa sostanzialmente che esso produce degli effetti giuridici. In pratica significa che un determinato titolo di studio consente di:
a) proseguire gli studi secondo un determinato percorso;
b) potere sostenere un esame di stato per l'esercizio della professione;
c) accedere al lavoro pubblico mediante procedura concorsuale.
Parliamo del terzo punto cercando di fare chiarezza, poiché questo è quello che più interessa (interessa anche il secondo punto, soprattutto qualora si deciderà di abolire gli ordini professionali, ma qui svilupperò il punto "c").
Cosa significherebbe abolire il valore legale della laurea, nell'accesso ai concorsi pubblici? Bisogna prima fare un cenno su come vengono preparati i Bandi di concorso (cercherò di essere breve dando per acquisite alcune conoscenze di base, qualora non fosse così rimando a letture relative alla normativa sui concorsi pubblici). Quando una P.A. decide di integrare o aumentare una pianta organica, mette a concorso uno o più posti, indicando quale figura professionale si vorrà assumere e indicando nel Bando, quali titoli di studio siano necessari per partecipare al concorso. Così succederà di leggere nel bando (faccio un esempio pratico): "profilo professionale istruttore direttivo [settore di lavoro] Area C [ex VII livello] posizione economica C1". In seguito si chiederà il possesso di determinati requisiti, tra cui una laurea (per l'accesso all'ex VII livello è necessario possedere una laurea), solitamente specifica, per cui (ad esempio) se il posto è per un ricercatore naturalista, la laurea richiesta sarà in Scienze Naturali. Ciò significa che tutti coloro che hanno sì una laurea, ma non quella specifica laurea, non potranno partecipare al concorso. Un agronomo ad esempio, non potrebbe partecipare a un posto pubblico per ricercatore naturalista, per cui si richiede il possesso di una laurea in Scienze Naturali.
Togliendo il valore legale al titolo di studio, le Amministrazioni Pubbliche che bandiranno concorsi, non potranno più indicare lauree specifiche per partecipare alla selezione a determinati posti di lavoro. Per cui nel posto che ho citato sopra, potrebbe partecipare pure un agronomo, un dottore forestale, un laureato in scienze ambientali, eccetera.
Siamo nel campo delle liberalizzazioni, di cui ho già parlato. Dove sarebbe il problema in tutto ciò? Beh, è evidente che se per il posto messo a concorso serve una persona che progetti dighe, non sarà possibile mettere un laureato in lettere... Ovviamente delle "specifiche" andranno fatte. Ma si liberalizzeranno invece quei settori dove la richiesta di una laurea specifica è stata vista in passato come un "favore" a determinati ordini professionali. O, ancora peggio, un modo per consentire la partecipazione al concorso solo a determinate persone. Abolendo il valore legale del titolo di studio, tutti (con le limitazioni che ho accennato sopra: un laureato in economia non potrebbe comunque fare il neurochirirgo) potranno accedere a posti di lavoro pubblici, che non presentino certe specificità. Cosicché per il posto in un ufficio comunicazione potranno partecipare laureati in Scienze delle comunicazione, ma anche in lettere, scienze politiche, eccetera (mentre prima spesso si mettevano limitazioni che tagliavano fuori certe categorie).
Era una procedura "esclusiva" invece che "inclusiva".
Non corrisponde quindi al vero che la laurea non servirà più a niente (tra l'altro nei paesi anglosassoni il valore legale del titolo di studio generalmente non è presente).
Dove sta il vantaggio? uno l'ho già segnalato: liberalizzazione dell'accesso ai posti pubblici.
E lo svantaggio? tra le righe ho segnalato anche quello. Se è vero che alcuni settori non sono specialistici come la medicina o l'ingegneria, è pur vero che esistono delle peculiarità. Se un Ente ha bisogno di un ricercatore naturalista che conosce bene le specie floristiche, oggi mette a concorso il posto richiedendo una laurea in Scienze Naturali. Senza il valore legale, potrà succedere che il concorso lo vinca un agronomo, che magari non è esperto di studi sui fiori. Potete fare da voi tantissimi altri esempi in merito.

Altro punto che è emerso in questi giorni è l'abolizione del voto di laurea come criterio di valutazione nella selezione pubblica. Oggi al voto di laurea è attribuito un punteggio che si va a sommare a quello conseguito nella prova di concorso (valutazione per titoli ed esami).
La proposta è quella di togliere questo tipo di valutazione, sostituendola con un punteggio che scaturisce dal "valore" della Facoltà in cui si è conseguito il titolo di studio. Cosicché una laurea al politecnico di Torino sarà presumibilmente considerata di maggiore valore rispetto ad esempio a una laurea online.
Oggi tutte le lauree, conseguite in qualsiasi ateneo, hanno pari valore legale. Che la laurea sia conseguita in un Istituto serissimo e preparatissimo o in uno scadente, non fa alcuna differenza. Con quale risultato? Che chi si laurea in un ateneo difficile può essere penalizzato rispetto a uno che lo fa in un istituto scadente, poiché è possibile che un laureato con 100 in un Istituto prestigioso, sia molto più preparato di un 110 in un Istituto scadente. Però, in caso di concorso pubblico, chi ha preso 100 in un Istituto prestigioso, sarà penalizzato nel punteggio rispetto ad un 110 di un ateneo scadente.
Vantaggi? Alcuni vantaggi sono più che evidenti: chi studierà in atenei qualificati, avrà più possibilità di accesso al lavoro pubblico (qualora il punteggio "titoli" fosse dato sulla base dell'ateneo di provenienza).
Maggiore concorrenza tra gli atenei con presumibile miglioramento della qualità didattica. Sparirebbero (eliminate dal mercato) quelle università dove la qualità della didattica è scadente e/o è più facile conseguire la laurea. L'obiettivo in generale, dovrebbe essere quello di premiare il merito, facendo la considerazione che i più bravi frequentano le facoltà più qualificate (come si stabilisce quali siano le Facoltà più qualificate? Annualmente apposite società stilano la classifica della qualità degli atenei e delle singole Facoltà).
Svantaggi? ci sono anche quelli: è possibile che le università più qualificate, saranno anche quelle che avranno maggiori costi per accedervi, limitando così l'accesso a chi se lo potrà permettere. Il problema è parzialmente risolvibile con le borse di studio.

Vantaggi e svantaggi sono presenti sia da una parte che dall'altra, ma credo sia giusto discutere di ciò.
Personalmente credo che l'università sia un luogo dove si dovrebbe andare ad apprendere e non con il solo scopo di conseguire un documento.