lunedì 5 dicembre 2016

Valbruzzi: "è stato un voto sociale". Il M5S ha votato in modo granitico per il NO


Secondo il politologo Marco Valbruzzi quello sul referendum è stato un "voto sociale". Lo ha riportato sia in un'intervista al TG3 Emilia - Romagna, sia in un'intervista ad Huffington post. Un voto politico su Renzi, che aveva personalizzato la campagna elettorale sulla sua persona. "Un voto contro una classe politica che, in questi anni, non ha saputo ridurre le distanze con gli elettori"(tendenza che, a mio avviso, proviene da lontano, ben prima dell'avvento di Renzi alla segreteria del PD).
Molto interessanti anche le analisi sulle capacità di mobilitazione del proprio elettorato da parte dei partiti: se il PD, diviso tra maggioranza sostenitrice del SI e minoranza per il NO, ha visto un voto del proprio elettorato verso il SI tra il 60% e 80% a seconda delle varie zone d'Italia, il Movimento 5 Stelle di converso è stato "granitico" per il NO, in una sorta di neo "voto ideologico", anche laddove ci sono state criticità recenti, vedi Palermo con il caso delle firme false. E questa potrebbe essere l'assoluta novità della politica italiana ovvero il ritorno del voto ideologico senza se e senza ma, indipendentemente dall'azione politica portata avanti dal Movimento e dai suoi componenti