venerdì 21 aprile 2017

Ciclismo: trittico delle Dolomiti negli anni ‘90


Sistemando i miei archivi ho ritrovato dei video girati negli anni 1995 e 1996 sulle Dolomiti. Il 1995 fu l’ultimo anno in cui corsi da Juniores con la squadra della Banca Popolare dell’Emila-Romagna. Un’esperienza breve la mia nelle competizioni di ciclismo, e non certo di “successo”, per vari motivi: cominciai tardi nelle competizioni (in estate 1993) quando avevo già 16 anni, nell’inverno del medesimo anno mi ruppi un piede e saltai tutta la preparazione, cominciai le gare da allievo a giugno 1994 e il 3 luglio in una caduta in gara mi ruppi un polso terminando anzitempo la stagione; durante la preparazione invernale caddi tamponando un camioncino e dovetti ritardare di molto l’inizio delle gare, per poi decidere che era meglio chiuderla lì. 
La mia impostazione nelle gare di ciclismo fu sbagliata: essendo nato in una zona di montagna pensavo di essere un passista scalatore anche perché, fatta eccezione di un altro ragazzo del luogo che faceva le gare in Federazione, nessuno dei miei coetanei con cui ero solito andare in giro, andava più forte di me in salita. Ma, in realtà, ho sempre avuto il fisico del velocista anzi, forse la mia dimensione sarebbe stata quella della pista (inseguimento e/o velocità), piuttosto che delle corse su strada. Ma lo capii tardi. Probabilmente non avrei comunque ottenuto chissà quali risultati, ma sarei stato sicuramente più competitivo; oramai però le competizioni, sono un ricordo lontano. 
Il primo video del trittico che propongo, è l’ascesa sulle Tre Cime di Lavaredo nell’estate del 1995, una salita durissima, affrontata con rapporti che oggi non si usano più: 42x23. All’epoca anche i ragazzi che correvano in Federazione, utilizzavano rapporti molto duri che oggi anche i professionisti abbandonato, preferendo una pedalata più agile. Ma di questo parlerò nei prossimi post del Trittico.