sabato 8 aprile 2017

Passo della Calla - Campigna

Lavori di asfaltatura sulla strada della Calla, Campigna, nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Un investimento importante per la fruizione di questo magnifico territorio.



venerdì 7 aprile 2017

San Piero: Esperienza emiliana dei distretti industriali

Il prof. Franco Mosconi dell'università di Parma parlerà stasera a San Piero in Bagno di distretti industriali. La serata, organizzata da Unione dei comuni Valle Savio con la collaborazione dell'associazione Faro di Corzano, fa parte del ciclo di incontri "StartApp - l'Appennino che riparte", modera la serata Marco Valbruzzi.

Analisi indici rigidità finanziaria dei bilanci dei comuni della Valle del Bidente dal 2001 al 2015


Per rigidità finanziaria di un bilancio si intende quanto le possibilità di manovra finanziaria siano limitate dalle “spese fisse” che si ripetono in modo costante, in particolare quelle legate al costo del personale. La letteratura scientifica intende rigido un bilancio in cui le spese per il personale siano tra il 38 e il 40% delle entrate correnti. In questo caso di analisi, oltre al costo del personale, l’indicatore aggiunge anche il costo per la rata dei mutui (interessi passivi più rimborso quota capitale). Più questo indicatore è alto, minori saranno le possibilità di manovra finanziaria da parte dei comuni, con tutte le conseguenze che ciò può comportare nella gestione di un comune. 
Prendendo la definizione dal sito Finanza del territorio della Regione Emilia-Romagna questo indicatore evidenzia il riflesso sul bilancio delle scelte strutturali adottate dall’Ente con riferimento alla dotazione organica (costo del personale) ed alle modalità di finanziamento degli investimenti (livello di indebitamento) individuando dunque il margine di operatività a disposizione dell’Ente per assumere ulteriori scelte di gestione e/o iniziative economico finanziarie.

(tab.1 elaborazione dati tratta dal sito Finanza del Territorio Regione Emilia-Romagna)

Come si vede dalla tabella il comune di Santa Sofia ha sempre avuto un indice piuttosto contenuto attorno al 30% (fatta eccezione per il 2011), segno che il Bilancio non risente in modo eccessivo della rigidità data dalle spese del personale più quelle relative all’indebitamento. 
Se andiamo a depurare l’indice dalle spese da indebitamento, mantenendo quindi solo quella relativa al costo del personale, il comune di Santa Sofia presenta un parametro pari al 19% nel 2013, 19% nel 2014 e 16% nel 2015, un indice decisamente buono. 
Nonostante questa buona performance, anche per Santa Sofia l’equilibrio di parte corrente rappresenta una delle principali problematiche di bilancio (illustrerò in un post successivo), come succede per molti comuni, ciò dovuto principalmente ai tagli dei trasferimenti statali avvenuti in questi ultimi anni.  
Per armonizzare le finanze dei comuni, soprattutto quelli di piccole dimensioni, appare oramai imprescindibile affrontare discussioni politiche sulle Unioni e sulle Fusioni (di comuni), in modo anche da rendere finanziariamente sostenibili nel tempo i bilanci.

Siria, gli USA attaccano base aerea


50 missili Tomahawk sono stati lanciati nella notte da una portaerei americana di stanza nel mediterraneo, verso la base aerea siriana che gli USA ritengono essere quella da cui sarebbero partiti gli attacchi dell'esercito di Assad dei giorni scorsi.

giovedì 6 aprile 2017

San Piero: serata informativa alla cittadinanza su arrivo tappa Giro d'Italia

Il 17 maggio il comune di Bagno di Romagna sarà interessato dall'arrivo della tappa Bartali del Giro d'Italia edizione del centenario.
Durante la serata il sindaco ha spiegato come si è arrivati, dopo due anni di intenso lavoro coordinato, ad ottenere l'arrivo di questo importante evento sportivo. Sono intervenuti il personale della Polizia municipale di Forlì e Bagno di Romagna per fornire informazioni tecniche sulla viabilità e referenti dell'agenzia che curerà la comunicazione dell'evento: sarà una grande festa per tutto il paese.

Analisi indice di rigidità finanziaria dei bilanci dei comuni della Valle del Savio dal 2001 al 2015

Per rigidità finanziaria di un bilancio comunale si intende quanto le "spese fisse", che si ripetono in modo costante (in particolare quella relativa al costo del personale), incidano sulle possibilità di manovra finanziaria di un comune. 
La letteratura scientifica intende rigido un bilancio in cui le spese per il personale siano tra il 38% e il 40% delle entrate correnti
In questo caso di analisi, oltre al costo del personale, l’indicatore aggiunge anche il costo per la rata dei mutui (interessi passivi più rimborso quota capitale). Più questo indicatore è alto, minori saranno le possibilità di manovra finanziaria da parte dei comuni, con tutte le conseguenze che ciò può comportare nella gestione di un comune. 
Prendendo la definizione dal sito Finanza del Territorio della Regione Emilia-Romagna questo indicatore evidenzia il riflesso sul bilancio delle scelte strutturali adottate dall’Ente con riferimento alla dotazione organica (costo del personale) ed alle modalità di finanziamento degli investimenti (livello di indebitamento) individuando dunque il margine di operatività a disposizione dell’Ente per assumere ulteriori scelte di gestione e/o iniziative economico finanziarie

(tab.1 Elaborazione dati tratti dal sito Finanza del territorio Regione E-R)

Come si vede dalla tabella nel 2001 tutti i comuni analizzati presentavano una sensibile rigidità finanziaria (Cesena al 57%). Negli ultimi anni i comuni di Cesena, Mercato Saraceno, Sarsina e Verghereto, hanno ridotto questo parametro, portandolo a livelli che potremmo definire di bassa rigidità. Fa eccezione Bagno di Romagna che si attesta al valore di 41.95% nel 2015, piuttosto in linea con quello degli anni precedenti. Se andiamo a depurare l’indice dalle spese da indebitamento, mantenendo quindi solo quella relativa al costo del personale, il comune di Bagno di Romagna presenta un parametro pari al 35.43% nel 2013, 31.28% nel 2014 e 34.31% nel 2015. Per il comune limitrofo di Santa Sofia il medesimo indice è pari al 19% nel 2013, 19% nel 2014, 16% nel 2015. Bagno di Romagna però, per quanto riguarda le spese per il personale, ha a carico del proprio bilancio la spesa per la gestione di servizi quali quello della Casa Protetta. Questo è, principalmente, il dato che fa spostare l’asticella verso il fenomeno cosiddetto di “rigidità finanziaria”, con la soglia stabilita al 38/40%, mentre l’indicatore per bagno è al 34%. 
Aldilà dei motivi per cui fu fatta quella scelta relativa alla Casa Protetta, va detto che la problematica della rigidità della spesa per il personale, non è di facile soluzione: il personale c’è e non può scomparire, ridurre il personale significa altresì non riuscire a far fronte a determinati servizi, ma la rigidità sul bilancio data dalla spesa per il personale, limita in modo sensibile le capacità di manovra dei comuni, sia per l’oggi che per il domani. 
Per armonizzare le finanze dei comuni, soprattutto quelli di piccole dimensioni, appare oramai imprescindibile affrontare discussioni politiche sulle Unioni e sulle Fusioni (di comuni), in modo anche da rendere finanziariamente sostenibili nel tempo i bilanci delle amministrazioni.

mercoledì 5 aprile 2017

Roberto Saviano a Forlì e le polemiche fuori luogo


Era il 29 dicembre 2007, aprendo la mia posta elettronica trovai un messaggio con scritto "Bravo, scrivi cose importanti!" firmato da Roberto Saviano. Non era ancora uno scrittore famoso come lo è oggi, ma già lo conoscevo, avevo letto Gomorra e suoi articoli. Aveva letto qualcosa di ciò che avevo scritto sul mio blog e lo aveva apprezzato.
Oggi Saviano è uno scrittore noto in tutto il mondo, vive sotto scorta, con tutte le difficoltà che ciò può comportare nella vita di un uomo.
Questa sera sarà a Forlì, dopo le polemiche di gennaio. Ho letto che ci sarebbero state nuove polemiche, di cui non si capisce bene il senso. Purtroppo accade non di rado, anche altrove, anche su altre tematiche. Personalmente penso che certi soggetti (certi "polemisti") vadano semplicemente ignorati.
Roberto Saviano è un grande scrittore, sono convinto che i forlivesi risponderanno in modo adeguato con la loro presenza, e sarà la miglior risposta anche a chi polemizza.
Ps. il comune di Forlì ha reso noto i costi dell'evento (6723€), la partecipazione di Saviano sarà gratuita. I costi erano stati motivo di critica, come succede non di rado nel nostro paese: se fai qualcosa non va bene (eh ma i costi!), se non fai niente non va bene (forse per qualcuno non si dovrebbe fare niente e soprattutto spendere niente, poiché magicamente le cose si farebbero da sé). Ma si sa, c'è sempre qualcuno pronto a polemizzare su qualsiasi cosa di spessore faccia qualcun altro.
Io sono dalla parte di Saviano e di chi promuove la cultura in questo paese.

Gli eventi nel Parco Nazionale fino al 9 aprile

(foreste casentinesi, immagine di repertorio)
Questa settimana al Parco:
- 8 aprile: escursioni con gli asinelli per grandi e piccini (Campolombardo, Pratovecchio Stia);
- 8 aprile: terrore a Ridracoli e delitto itinerante (Atlantide);
- 8 aprile: escursioni in battello a Ridracoli;
- 8 aprile: quando il cammino è dentro a se stessi, oltre la montagna sui sentieri di sé (Rifugio Asqua, Camaldoli);
- 9 aprile: quando il cammino è dentro a se stessi, oltre la montagna sui sentieri di sé (Rifugio Asqua, Camaldoli);
- 9 aprile: a cavallo di un caval (Equinatura, Pratovecchio Stia);
- 9 aprile: escursione storica sulle scale dei giganti (Bagno di Romagna, Trekkabbestia);
- 9 aprile: bus e trek, passeggiata per le dolci colline del Casentino (Pratovecchio);
- 9 aprile: ricerca del tartufo nelle foreste casentinesi (Pratovecchio Stia);
- 9 aprile: escursioni guidate in battello elettrico (Ridracoli, Bagno di Romagna).

Per maggiori informazioni visitate www.parcoforestecasentinesi.it sezione eventi.

martedì 4 aprile 2017

Addio a Giovanni Sartori, uno dei principali scienziati politici del '900



Giovanni Sartori
è scomparso oggi all'età di 92 anni, è stato uno dei più importanti politologi del '900, grande esperto di democrazia, sistemi di partito, ingegneria costituzionale.
Ha insegnato in alcuni dei principali atenei del mondo fondando, nel 1971, la Rivista Italiana di Scienza Politica.
Tra le sue opere una (logica, metodo e linguaggio nelle scienze sociali) è stata tradotta dal politologo sampierano Marco Valbruzzi che, anche negli ultimi anni, ha mantenuto stretti rapporti con Sartori.

Inter e le prospettive per il futuro

(immagine di tempi ormai lontani)
Con la sconfitta di ieri con la Sampdoria, sfumano le possibilità dell'Inter di andare in Champions (ma, sinceramente, erano già poche), competizione che comunque è totalmente fuori dalla portata di questa squadra quindi meglio rimanerne fuori. Il problema è che l'Inter appare fuori da qualsiasi possibilità di competere in qualsiasi competizione: non certo il campionato dove, di questo passo, serviranno decenni per avere qualche minima ambizione, non la Coppa Italia dove anche solo in Italia ci sono varie squadre più competitive. Da tempo sostengo che la dimensione dell'Inter sarebbe l'Europa League, eppure la competizione quando vi si accede, non viene affrontata mai col piglio giusto.
Talvolta sento parlare di ambizioni ad entrare nelle prime 4 del campionato, e sempre con riferimento all'anno successivo (questo oramai da anni): l'Inter dovrebbe ambire a vincere qualcosa, non ad entrare nelle prime quattro. Non dimentichiamo che dal 2012 ad oggi, senza scomodare la Juve, anche il Napoli e il Milan hanno vinto più trofei dell'Inter, che è all'asciutto dal 2011. E chissà per quanto tempo ancora.

lunedì 3 aprile 2017

Nibbio bruno fotografato nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi


Il Nibbio Bruno è un rapace migratore che sverna nell'Africa Subsahariana, pochi giorni fa Pietro Vicchi lo ha immortalato in volo sul Parco. In questo territorio si aveva una sola altra segnalazione risalente al lontano 1993.

domenica 2 aprile 2017

La nuova giovinezza di Roger Federer: vince anche a Miami

(immagine pixabay)
Da molti è considerato, probabilmente a ragione, il più forte tennista di ogni epoca. A 36 anni, dopo aver vinto il suo 18esimo Grande Slam in Australia, oggi ha vinto, sempre contro Nadal, il torneo di Miami.
Se continuerà con questo stato di forma, Federer può veramente pensare di riconquistare Wimbledon.

Turismo in Italia: serve migliorare la qualità dei servizi


Sono stati quasi 56 milioni i turisti stranieri arrivati in Italia nel 2016, in aumento rispetto l'anno precedente (report confturismo). Però, sempre secondo l'indagine, si fermano per meno tempo rispetto al passato: il settore dal 2001 ad oggi avrebbe "perso" 45 miliardi di euro, confturismo sostiene che servirebbe migliorare la promocommercializzazione. Dal mio punto di vista invece, ciò che servirebbe sarebbe un netto miglioramento della qualità dei servizi offerti, oltre a investimenti sulle infrastrutture di trasporto e mobilità.
Anni fa un importante architetto tedesco ospite a Bagno di Romagna, durante un suo intervento sostenne che (in sintesi) l'Italia è il paese con più bellezze artistiche e naturali del mondo e, nonostante i servizi non siano all'altezza che altrove, la gente viene per questo
Oggi i turisti cercano qualità dei servizi, non basta più l'accoglienza calorosa e familiare o l'offrire un bicchiere di vino al turista (mito che ci tramandiamo da un po' troppo tempo). Se i turisti, come si evince dal report, soggiornano per meno tempo, potrebbe essere che lo facciano poiché i servizi non sono all'altezza delle aspettative e allora si resta giusto il tempo minimo per guardare ciò che interessa. Sicuramente la negativa congiuntura economica non aiuta, ma l'Italia è un paese che ha bisogno di investire, anche e soprattutto sulla qualità dei servizi e qui è il mondo dell'imprenditoria privata che viene chiamato in causa. Fatte salve alcune esperienze innovative, si pensi alla Riviera romagnola dove si è andati oltre al fattore "ospitalità tipica" o al Trentino, il paese non sembra avere offerte di servizi all'altezza di altri paesi che, magari con meno attrazioni culturali e ambientali, ci stanno davanti proprio perché presentano una migliore offerta di servizi.
Servirebbe una grande iniziativa di investimento sia da parte del pubblico che del privato, dove tutti dovrebbero fare la propria parte. Se il privato non decide di investire e migliorare la propria offerta di servizi, aspettando che sia il pubblico a farlo, si andrà poco lontano. In Italia purtroppo manca quella visione imprenditoriale tipica dei paesi continentali e anglosassoni, come ben descritto da Max Weber in "Etica protestante e spirito del capitalismo". 
In molti ritengono che il "pubblico" in Italia sia causa di gran parte dei problemi, ma se guardiamo i numeri vediamo come il paese abbia un elevatissimo risparmio privato, segno che c'è poca iniziativa e capacità di investimento. Il pubblico dovrebbe de-burocratizzare permettendo gli investimenti privati, semplificando le normative e rendendo il sistema giudiziario più snello e veloce, altrimenti difficilmente arriveranno investitori stranieri e anche quelli italiani saranno restii ad investire. Ma anche il mondo privato è chiamato a fare la sua parte, poiché se aspettiamo che ci pensi sempre qualcun altro, si rimarrà fermi al palo.