mercoledì 14 novembre 2018

Bagno di Romagna: in arrivo finanziamenti per la realizzazione della Scuola Media


Il progetto della scuola presentato, risulta al primo posto della graduatoria provinciale nell'ambito cesenate e beneficerebbe di un finanziamento pari a 2.878.000€ a fronte di un importo complessivo di 4.200.000€.
Nel comunicato l'Amministrazione sottolinea il lavoro svolto in questi anni per poter conseguire il risultato che non è ancora definitivo, in quanto andranno trovati ulteriori fondi per potere mettere in cantiere l'opera. Buona parte dell'ulteriore finanziamento necessario, comunica il Sindaco Baccini, potrà essere sostenuto dal Bilancio comunale grazie anche al riordino portato avanti negli anni passati dall'amministrazione di Visione Comune.
Il lavoro messo in campo in questi anni, frutto della collaborazione dell'Amministrazione comunale e dei suoi tecnici, con i vari attori Istituzionali pubblici e privati, starebbe dando i suoi frutti.

Amministrare un comune non è mai stato semplice e, negli ultimi anni, è diventato ancor più complesso a causa della contrazione delle risorse economiche disponibili. Viviamo in un'epoca fast, dove si vorrebbe tutto subito, dove talvolta si pensa che problemi complessi possano avere soluzioni semplici e immediate. 
Non è così; per raggiungere risultati, sia nel campo dell'amministrazione pubblica che privata, serve impegno, abnegazione, capacità, è necessario fare scelte talvolta anche impopolari nell'immediato, per cercare di conseguire risultati futuri.
Vediamo anche nella politica nazionale come si viva in un clima da campagna elettorale permanente, dove le visioni politiche sono spesso contenute in archi temporali molto stretti, anche per generare e mantenere il consenso elettorale. Ma i risultati politici possono essere ottenuti solo con investimenti che guardano al medio lungo periodo e per portare avanti questi serve tempo, impegno e capacità politico/amministrative.

Credo che la politica nazionale dovrebbe guardare con maggiore attenzione ai propri amministratori locali, anche per imparare da loro: sono i Sindaci, gli assessori, i consiglieri comunali, coloro che si trovano a stretto contatto con i cittadini e si trovano ad interpretare le loro esigenze e i loro bisogni.
Potrebbe essere un modo per far ripartire la politica dal basso, tra i cittadini.