mercoledì 30 maggio 2018

Possibili scenari politici nel caso di elezioni a breve


Potremmo tornare a votare molto presto, forse anche prima dell'autunno che si ipotizzava. Un brevissimo tempo non solo per fare una campagna elettorale (su quali temi e come) ma persino per impostare (eventuali) alleanze.
Chi ne guadagnerà di più sarà certamente la Lega di Salvini che alcuni sondaggisti danno già al 25% ma ci sono possibilità che diventino primo partito superando il M5S che è dato in calo. Potrebbero abbandonare il M5S i "delusi di sinistra" che avevano votato il partito con a capo Luigi Di Maio, mentre resterebbe presumibilmente lo "zoccolo duro" che potrebbe aggirarsi attorno al 25% dato in linea con il risultato delle politiche del 2013.
Grosse difficoltà per il centro sinistra e il PD, che potrebbe faticare ad arrivare al 15%, mentre la probabilità che partiti a sinistra del PD possano entrare in Parlamento appare molto scarsa. Nel caso di una campagna elettorale incentrata sulla questione europea, potrebbe beneficiarne il partito della Bonino, ma difficilmente con risultati eclatanti.
Forza Italia potrebbe beneficiare della (ri)discesa in campo di Berlusconi ma il partito difficilmente potrebbe sopravanzare la Lega. Berlusconi però potrebbe fare un passo indietro lanciando Salvini, magari tenendo per sé la possibilità di andare al Quirinale (?)
Ci sarebbe la possibilità di uno scenario che potrebbe "sconvolgere" tutto: un centrodestra con un un'unica lista a guida Salvini che potrebbe superare il 40% dei voti e, magari, trovare (se necessario) intese successive con il M5S, riprendendo alcuni punti del cosiddetto "contratto del cambiamento" ed anche, forse, per proporre alcune modifiche costituzionali.
A quel punto in Parlamento ci sarebbe una maggioranza schiacciante, e l'opposizione?